• Aurelio Pisano

Ad Block e il valore della Comunicazione



Ad Block e il valore della Comunicazione | Aurelio Pisano AEIO

Il fenomeno AD BLOCKER in Italia rappresenta solo il 13% del mercato.

L’ad blocking (software filtro per evitare di visualizzare le Ad pubblicitarie sul tuo browser) è un fenomeno presente anche in Italia, ma nel nostro paese l’impatto sul mercato pubblicitario è attualmente contenuto: l’incidenza per l’utenza PC è del 13% ed è ancora più limitata su smartphone, dove si attesta al 7,6%.

In Italia il fenomeno è partito con molto ritardo e, dunque, anche chi vive di advertising e mastica messaggi pubblicitari (come me) si appresta a fare i conti con questo sistema solo ora. I clienti raramente ne considerano l'impatto sulla comunicazione, ma chi lavora nel settore deve gioco forza reagire con una tempistica più accelerata e ovviare all'ostacolo.

Il 21,9% degli utenti web italiani dichiara di conoscere e utilizzare in qualche occasione l’Ad blocking ma l’uso, per la maggior parte degli utenti, è tattico: si attiva/disattiva l’ad blocker e/o si inseriscono i siti in whitelist secondo opportunità e secondo i diversi device utilizzati. Il risultato che ne deriva, a livello mensile, è che il 13% degli utenti PC utilizza un Ad blocker su almeno uno dei propri browser. Questa è la vera incidenza del fenomeno dell’Ad blocking in Italia: utilizzato dal 13% degli utenti, riguarda il 15% delle pagine viste, dato che invece nella rilevazione diretta FCP-Assointernet, sui siti dei propri associati, evidenzia un’incidenza media dell’11% sui volumi di pagine. Il fenomeno a livello di smartphone è limitato al 7,6% degli utenti. Il profilo degli utenti di Ad blocker è prevalentemente composto da uomini, giovani, studenti, persone con titolo di studio elevato e abitanti nei grandi centri.

Oltre agli utilizzatori attuali, il 12% degli intervistati ha dichiarato che potrebbe installare un Ad blocker in futuro. In questo senso l’intera industry pubblicitaria, si legge nella nota ufficiale, è chiamata ad uno sforzo di miglioramento di sistema, per darsi regole sostenibili e condivise ma che al contempo diano risposte concrete ai segnali di disagio mostrati dagli utenti.

E i singoli player che sapranno raccogliere la sfida di un ambiente online più user friendly potranno contare su importanti aperture di credito da parte degli utenti, che spesso si ritrovano a installare gli Ad blocker in mancanza di alternative che ne rispettino il diritto ad una navigazione piacevole.

#news #experience

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Logo AEIO agenzia pubblicitaria